Apple parla di iPadOS 15, privacy e tante altre novità della WWDC21

Alcuni tra i più importanti dirigenti Apple hanno parlato delle novità più importanti presentate durante la WWDC 2021.

In una serie di nuovi interventi post-WWDC, alcuni importanti dirigenti hanno parlato di iOS 15, iPadOS 15, di privacy e delle altre novità presentate durante l’ultimo keynote.

the talk show 2021

Intervenuti al The Talk Show di John Gruber, Craig Federighi e Greg Joswiak hanno rilasciato una serie di interessanti dichiarazioni.

Una delle funzionalità annunciate alla WWDC si chiama Mail Privacy Prevention, che aiuta a proteggere la tua privacy impedendo a chi invia e-mail di apprendere informazioni sulla tua attività nell’app. Durante l’intervista, il responsabile marketing di Apple Greg Joswiak ha spiegato che questa novità fa parte dell’obiettivo di Apple di offrire agli utenti “trasparenza e controllo” quando si tratta di privacy:

La maggior parte degli utenti non aveva idea del fatto che quando apre un’e-mail non solo sta dicendo al mittente che l’ha aperta, ma sta anche inviando il proprio indirizzo IP. Il che, ancora una volta, permetteva potenzialmente al mittente di aggiungere quelle informazioni ad altre attività che stava svolgendo online. Per noi è semplice. Vogliamo trasparenza e controllo.

Federighi ha anche spiegato che oltre alla funzione iCloud Private Relay che arriverà come parte di iCloud+, c’è una nuova novità integrata in Safari per mascherare il tuo indirizzo IP dai tracker. Questa funzione è disponibile per tutti coloro che utilizzano Safari, indipendentemente dal fatto che siano o meno abbonati a iCloud+:

C’è ora una funzione integrata in Safari, indipendentemente dal fatto che tu usi iCloud+, dove il tuo contatto con i tracker noti avviene attraverso il relè. Contatti CNN.com, diciamo, e diciamo che CNN.com include riferimenti a tracker noti che tentano di eseguire accessi. Safari, per impostazione predefinita e come parte di Intelligent Tracking Prevention, ora utilizza l’inoltro per assicurarsi che il tuo indirizzo IP non esca in quelle richieste di monitoraggio.

Gruber ha anche chiesto a Federighi perché iCloud Private Relay è diverso da una VPN tradizionale. Federighi ha spiegato che si tratta della tecnologia two-hop di Apple:

Con iCloud Private Relay, utilizziamo una soluzione two-hop che garantisce che nessuna singola entità, nemmeno Apple, veda chi sei e dove stai navigando. C’è un hop di crittografia che va ad Apple, ma dove stai navigando rimane crittografato. Lo inoltriamo a qualcun altro, che ora non sa chi sei, ma sa dove stai andando e indirizza il traffico. Quindi entrambi i player hanno informazioni diverse che non possono essere unite.

Per quanto riguarda la nuova interfaccia multi-tasking in iPadOS 15, Federighi ha dato una risposta davvero interessante su come Apple si è concentrata nel dare agli utenti indicazioni più chiare su alcune funzioni:

Quando abbiamo sviluppato il precedente ciclo di multitasking, era anche il momento in cui stavamo davvero portando il drag and drop in modo pervasivo nel sistema. Quindi un sacco di cose stavano convergendo e cambiando, visto che davamo la possibilità di selezionare e trascinare cose su tutto il sistema operativo. Con iPadOS 15 ci siamo appoggiati molto su questa funzione, ma hai sicuramente ragione sul fatto che il drag and drop è essenzialmente una funzione nascosta. Non c’è niente che dica “trascina questo qui per fare questa cosa“.

Quest’anno ci siamo davvero concentrati sul dire: “assicuriamoci che ci siano quelle briciole di pane in ogni stato dell’operazione“.

C’erano alcuni casi nella nostra vecchia interfaccia in cui potevi fare qualcosa essenzialmente in una direzione e poi al contrario, ma c’era come una rottura nella simmetria. È stato difficile tornare indietro nel modo in cui ti aspetteresti. Siamo stati in grado di chiarire tutto questo e abbiamo anche introdotto una nuova idea per noi chiamata “shelf”, che ti mostra più chiaramente quali operazioni poter effettuare in determinati contesti. Qualcosa che abbiamo scoperto solo con l’esperienza è che a un certo punto avresti aperto un paio di spazi o finestre separate di Safari. Oppure aprivi lunghi messaggi di posta che volevi leggere in finestre separate. Poi, però, ne perdevi completamente traccia. Lo shelf svolge questo grande ruolo, avvii Safari, e iPadOS 15 ti mostrerà l’ultima finestra di Safari a cui hai avuto accesso, ma ti mostrerà anche tutte le altre che hai aperto. Ancora una volta, è una briciola di pane visiva.

Infine, onestamente, questo è qualcosa che volevamo fare da circa quattro anni e credo che sia davvero potente.

Infine, si è parlato delle vicende dell’App Store e delle lamentele di alcuni sviluppatori come Epic Games:

Posso dire che ne sono sconcertato. Come spero tu sappia, io, il mio team e tutti quelli con cui ho a che fare con Apple, lavoriamo in simbiosi per portare solo il meglio agli sviluppatori. Ciò su cui lavorano i miei team durante tutto l’anno sono le piattaforme per gli sviluppatori. Onestamente, non capisco queste critiche.

Amiamo i nostri sviluppatori e sono una parte importante di quello che facciamo ogni giorno in azienda. Onestamente è un po’ bizzarro leggere queste critiche. Spero che si riveli un punto di vista minoritario perché di certo non è fondato nella realtà.

 

In un’altra intervista con Matthew Panzarino di TechCrunch, Bob Borchers, VP of Worldwide Product Marketing, e Sebastien Marineau-Mes, VP Intelligent System Experience di Apple, hanno parlato di iPadOS 15 e di tutte le novità del sistema operativo.

Panzarino ha chiesto ai dirigenti di parlare della nuova funzionalità multitasking, che ora sembra un po’ più facile da usare rispetto a iPadOS 14, che invece richiedeva “molte acrobazie del dito e un forte senso di consapevolezza spaziale“. Questa la risposta di Marineau-Mes:

Hai citato un ottimo punto quando hai parlato del modello spaziale, visto che uno dei nostri obiettivi era quello di rendere effettivamente il modello spaziale più esplicito nell’esperienza dove, ad esempio, se hai un vista divisa e stai sostituendo una delle finestre, apriamo la tenda e mettiamo l’altra app di lato. Ora puoi vederla, non è un modello mentale nascosto, ma è molto esplicito.

L’obiettivo di Apple era quello di aggiungere più opportunità affinché l’utente capisse che il multitasking è un’opzione quando disponibile, come la piccola serie di punti nella parte superiore di ogni app e finestra che ora consente di scegliere la configurazione disponibile, piuttosto che il metodo app-and-dock del passato.

Marineau-Mes ha anche affrontato il tema nuovi comandi di scelta rapida da tastiera. Il dirigente afferma che l’obiettivo di Apple era quello di rendere navigabile dalla tastiera praticamente tutto nel sistema.

Così, se non vuoi, non devi staccare le mani dalla tastiera. Tutte le nuove opportunità e funzionalità multitasking, puoi gestirle tramite le scorciatoie da tastiera. Hai la nuova barra dei menu in cui puoi vedere tutte le scorciatoie disponibili. È ottimo per la rilevabilità. Puoi cercarli tutti e anche noi abbiamo fatto uno sforzo molto consapevole per razionalizzare le scorciatoie su Mac e iPadOS. In questo modo, se utilizzi Universal Control, ad esempio, passerai da un ambiente all’altro senza problemi. Voloevamo assicurarti questa coerenza mentre passi da un dispositivo all’altro.

I dirigenti hanno parlato anche della nuova funzionalità Universal Control. Sebbene non sia ancora disponibile nella beta 1, utilizzerà il beaconing Bluetooth, il Wi-Fi peer-to-peer e il supporto del touchpad dell’iPad per consentire ai dispositivi di sapere che sono vicini l’uno all’altro. Queste le parole di Borchers:

Penso che quello che abbiamo visto e osservato dai nostri utenti, sia professionisti che non, è che abbiamo molte persone che hanno Mac e hanno iPad, e altri hanno anche iPhone, e crediamo nel far funzionare queste cose insieme in modi che sono molto potenti. Penso che la grande sfida sia stata come farlo in un modo semplice e quasi magico. Ed è quello che Seb e il suo team sono stati in grado di realizzare.

Si basa davvero sulle fondamenta che abbiamo creato con Continuity e Sidecar“, aggiunge Marineau-Mes. “Abbiamo davvero pensato molto a come rendere l’esperienza di configurazione il più fluida possibile

Nell’intervista, Panzarino ha chiesto anche di Swift Playgrounds su iPadOS 15. Gli sviluppatori si aspettavano l’app Xcode, ma in realtà hanno ricevuto la promessa che entro la fine dell’anno Swift Playgrounds sarà in grado di aiutare a programmare su iPad. Marineau-Mes:

Penso che una delle grandi intuizioni qui sia stata che abbiamo visto un certo numero di sviluppatori professionisti che utilizzavano iPad come piattaforma di prototipazione e un modo per essere in grado di sviluppare sull’autobus, o nel parco, o ovunque. Se sei uno sviluppatore, in realtà è più produttivo poter eseguire quell’app sul dispositivo su cui stai lavorando perché ottieni davvero una grande fedeltà. E con il formato di progetto aperto, puoi andare avanti e indietro tra Xcode e Playgrounds”.

Nell’intervista, si parla anche di Quick Note, Live Text e altro.

iPad Pro 2021 in sconto su

News iPad