Le proiezioni del mercato tablet al 2015

Gartner, azienda leader nelle statistiche di mercato, riporta gli andamenti del mercato tablet proiettate al 2015. Se nel 2010 sono state vendute quasi 18 milioni di tavolette elettroniche, nel 2015 il mercato si espanderà a quasi 300 milioni di apparecchi venduti. A farla ancora da padrone sarà l’iPad, nonostante l’agguerrita concorrenza di milioni di tavolette di fascia economica (sotto i 100$), motorizzate Android.

Secondo Gartner, la decisione di Google di non aprire il codice sorgente di Honeycomb (come riportata a marzo dal Wall Street Journal), aveva lo scopo di non frammentare eccessivamente la piattaforma, “rimettendoci” però in diffusione e, soprattutto, in critiche da parte della community open source. La nuova versione piattaforma di Android 4.0, invece, sarà resa pubblica nei suoi codici le prossime settimane, permettendo così modifiche al sistema, ma senza aver lasciato lo spazio agli interventi esterni nello sviluppo del software. L’open source dovrebbe essere esattamente il contrario. La quota di Android andrebbe, inoltre, suddivisa nelle sue decine di aziende (oltre 50) che adottano il sistema operativo mobile di Google.

La tabella di Gartner (di inizio estate) mostra anche una quota del 10% della nuova piattaforma di RIM-BlackBerry, QNX, che dovrebbe permettere all’azienda canadese di uscire dalla pesantissima crisi nella quale è entrata. RIM continuerà a puntare sempre sull’utenza business.

Nel giro di 3 anni, il mercato dovrebbe offrire nuove piattaforme, tutte concorrenti fra loro, permettendo un’ampia scelta agli utenti finali, oggi vincolati alla sola scelta di iOS e Android.

Sembra mancare, invece, la quota importante che dovrebbe prendere la nuova versione di Windows mobile, la numero 8 della serie. Aspetteremo di vedere le nuove proiezioni di Gartner tra qualche mese.

Il sistema MeeGo di Intel e WebOS di HP, non vengono quotati in un prossimo futuro. HP ha abbandonato subito il sistema WebOS appena rilasciato, anche se gli esperti del settore lo definivano come la migliore alternativa ad Apple. Non  sarà un caso se Samsung il mese scorso ha fatto qualche manovra per testare l’eventuale acquisto di WebOS, soprattutto dopo la scelta di Google di comprare Motorola, facendo diventare la storica azienda americana la proprio scelta ufficiale per il futuro di Android.

Samsung, nel mentre, continua a sviluppare il sistema Bada e a considerare l’adozione di Windows dopo la scelta di Google di puntare su Motorola (anche se Mountain View continua a tranquillizzare, quasi tutti i giorni, i suoi sempre più preoccupati clienti storici).

Il principale errore fatto dalla concorrenza di Apple è stato, secondo gli analisti di Gartner, quello di concentrarsi sullo sviluppo dell’hardware senza mettere lo stesso impegno sul lato software, dove iOS continua a rimanere il prodotto più semplice, completo e pratico di tutti.

 

 

Fonte: Cnet

PromoProva Audible fino a 3 mesi gratis!
Concorrenza