Un testa a testa fra display IPS con Fire, Nook ed iPad spremuti fino all’ultimo pixel

DisplayMate Technologies mette alla corda i tre display dei tablet attualmente più diffusi ed il risultato è tutto fuorché scontato…

Il Natale è alle porte e i produttori di hardware approfittano di questo periodo per schierare l’artiglieria pesante in un periodo che, nonostante l’apparente “benessere economico”, figlio probabilmente di un ottimismo dovuto piu’ al credito che alla reale disponibilità monetaria, vede rimandare a feste e ricorrenze gli acquisti piu’ importanti.

Il mondo dei tablet è dominato da Apple, su questo le indagini di mercato sono impietose nei confronti dei competitors, che nonostante prodotti di alto livello, come esempio l’Amazon Kindle o il Barnes & Noble Nook, non sono mai riusciti ad impensierire questa leadership per motivazioni che, al di là dell’aspetto cool insito in ogni prodotto Apple, sono da ricercarsi proprio in una differente visione di come un tablet dovesse essere progettato, aspetto palesato dal suo componente piu’ importante, ovvero il display. I due tablet citati, difatti, se da un lato offrivano innegabili pregi sul fronte dell’autonomia e nella lettura di testi, poiché di tipo E-Ink, pagavano lo scotto di un display oltremodo limitato, in bianco e nero, con 16 livelli di intensità e una frequenza di refresh davvero imbarazzante.

E’ stato necessario attendere una nuova generazione di iPad ma a quanto i produttori di tablet hanno compreso che per rivaleggiare con l’iPad fosse opportuno invertire la rotta e puntare su display a colori e di elevata fattura. Il display è indubbiamente la componente piu’ importante di un tablet, il suo HUB in quanto non solo deve restituire il contenuto di cui si voglia fruire ma permetterne anche l’interazione attraverso il touch mentre finora anche allargando la nostra visione a competitors come Motorola (XOOM) o Acer (Icona), si è valorizzato maggiormente l’hardware interno e, per contenere i costi, adottato display di bassa qualità che, puntualmente, posti a confronto con un iPad impallidivano miseramente.

Ma quale è il segreto dietro le straordinarie qualità del display su iPad ed iPad 2? Una parolina, una sigla, una tecnologia: IPS (In Plane Switching). L’IPS, che si caratterizza per l’adozione di due transistor per ogni sub-pixel, offre un piu’ ampio angolo di visione, un fattore di contrasto piu’ elevato, tempi di risposta nettamente inferiori agli altri pannelli LCD ma anche una fedeltà cromatica in grado di restituire immagini simili a quelle reali. Tra le compagnie leader nella produzione di pannelli LCD figura LG, fornitore principale di display per iPhone e tablet (anche quelli nella nostra rassegna) ma altri produttori stanno offrendo tecnologie simili battezzate con sigle proprietarie, come esempio Fringe Field Switching da Hydis e Plane Line Switching da Samsung.

La nuova ondata di tablet si presenta ai consumatori proprio con pannelli di tipo IPS e gli eredi dei modelli di cui sopra, l’Amazon Kindle Fire ed il Barnes & Noble Nook Tablet,  appaiono ora in grado di sfidare direttamente il tablet cupertiniano con caratteristiche importanti raccolte nella tabella a seguire:

DisplayMate Technologies, compagnia leader nella produzione si software e strumenti per la calibrazione di display, ha raccolto questa sfida e tramite il suo deus-ex machina, il dottor Raymond Soneira, proponendo una comparativa serrata fra i tre tablet, evidenziandone pregi e difetti. Possiamo sin da subito svelare che non ci sia un vincitore assoluto,  poiché fra i vari test si sono alternati per la vetta, ma il Nook Tablet ha avuto piu’ podi se può placare lo spirito di chi cerca un primo assoluto.

Analizziamo le caratteristiche di ciascuno come riportato da Soneira partendo proprio dall’iPad 2.

Highlights dell’iPad 2…

L’iPad 2 vanta un display di qualità eccellente, virtualmente identico per resa al Resina Display dell’iPhone 4, ma con una maggiore risoluzione video e, purtroppo, una densità per pixel piu’ modesta, pari a 132DDP, a causa delle dimensioni piu’ generose del display. Il pannello offre un livello di calibrazione discreto in grado di restituire tuttavia immagini estremamente contrastate, colori fedeli alla realtà e un buon angolo di visione. Tra gli aspetti negativi, invece, l’elevata riflessività sia alla luce diretta sia a quella ambientale, un livello di Gamut limitato ed una luminosità che scema in modo vistoso a seconda dell’angolo di visione (difetto comunque comunque anche agli altri tablet).

Highlights del Kindle Fire…

Stando ai dati raccolti da Soneira, sembrerebbe che nonostante i buoni propositi di Amazon, il display del Kindle Fire sia quello meno riuscito fra Nook Tablet e iPad 2 e ciò per due cause, di cui solo una fixabile con un aggiornamento software.

Il primo tallone d’Achille sarebbe proprio lo speciale “trattamento anti-riflesso” del pannello che nei test di laboratorio ha attestato i valori di riflessività piu’ elevati, con numeri imbarazzati come un 70% di riflessività maggiore dell’iPad 2 e piu’ del doppio del Nook Tablet. Se naturalmente utilizzassi il tablet in un ambiente con scarsa luminosità ambientale, ad esempio la sera, a letto, non noteremmo questo problema ma all’aria aperta rende del tutto inutilizzabile il tablet.

Il secondo grande punto interrogativo del Kindle Fire è la sua Galleria, l’applicazione nativa con cui visionare foto ed immagini. La galleria ha un difetto nella resa dalla scala di grigi, che rende ogni immagine, o foto, visualizzata “finta”, artificiale e ciò nonostante come il Nook Tablet, anche il Kindle Fire adotti Android come OS. Altro, grosso, neo è la quantità di colori visualizzabili on-screen che si schianta sulla barriera dei 16-bit, quindi 65.535 colori, e non  “16 milioni di colori” come sbandierato da Amazon. Il problema è di natura software perché il pannello di per sé è a 24-bit e qualsiasi altro contenuto, come ad esempio le pagine Web, sono visualizzate correttamente con tale profondità di colore ma la Galleria no… Sarà il caso di valutare se installando viewer differenti il problema persista, test quest’ultimo non effettuato da DisplayMate.

Un ulteriore problema è dovuto all’interfaccia grafica adottata nella Galleria, che da sola “mangia” ben 100pixel dello schermo portando da 600 a 500 i pixel verticali utili per la visualizzazione delle immagini. Dei tre pannelli, test alla mano, si tratta del meno performante, o meglio di quello che, nel complesso, ha ottenuto meno primati e risultati nella media un pò ovunque.


Highlights del Barnes & Noble Nook Tablet

Il display LCD a bordo del Nook Tablet è nel complesso di buona fattura, comparabile a quello del Kindle Fire ma maggiormente rifinito e curato. Anche Nook Tablet ha sottoposto il pannello ad un “trattamento anti riflessi e luci” e, diversamente dal Fire, sembrano aver centrato l’obiettivo tanto che il tablet vanta il risultato migliore del test, surclassando di netto il Fire (oltre il doppio) e garantendo prestazioni migliori dell’iPad 2, quantificate in un sonante 28%. Sul fronte della calibrazione,  il risultato è altrettanto pregevole con una scala di grigi piu’ accurata “di molti televisori HDTV”, un punto del bianco fissato a 6.016K (il valore di riferimento è 6.500K)  e un’interfaccia grafica che abbattendo le limitazioni dell’OS nel Fire, propone una versione di Android in grado di sprigionare tutti i 24bit del pannello, Galleria compresa.

Tabella alla mano si tratta indubbiamente del tablet piu’ equilibrato a cui vanno i complimenti di Soneira che gli rimprovera solo di avere un’interfaccia grafica spartana  e priva di personalità, Galleria compresa, tutti aspetti che fortunatamente potranno essere corretti con nuovi aggiornamenti software.

Cosa acquistare quindi? Le finalità della comparativa esulano dal rispondere a questo interrogativo: solo l’iPad 2 ha un display da 9,7″ (7″ per i restanti) e confinando la scelta ai restanti, non primeggia in valore assoluto nessuno dei due per i problemi illustrati e per quello comune dell’interfaccia grafica acerba, soprattutto se confrontata con l’iOS 4.3 a bordo dell’iPad 2 (o dell’iOS 5 che, a nostro parere, sarebbe stato opportuno installare in occasione della comparativa).

La tabella riassuntiva con i tre tablet in rassegna può essere consultata direttamente da questo indirizzo.

 

Fonte: Gizmodo

Concorrenza