Craig Federighi promette miglioramenti a Stage Manager con le prossime beta di iPadOS 16

Craig Federighi spiega perché Stage Manager è limitato solo agli iPad M1 e come migliorerà questa funzione in futuro.

iPadOS 16 integra uno dei più importanti aggiornamenti al multitasking su iPad, grazie alla funzione Stage Manager limitata ai soli tablet M1. Craig Federighi ha promesso ulteriori miglioramenti con le prossime beta di iPadOS 16.

stage manager

In una nuova intervista rilasciata a TechCrunch, il vicepresidente senior dell’ingegneria software di Apple, Craig Federighi, ha parlato del futuro di Stage Manager, della decisione di limitare la funzione ai soli iPad M1 e altro ancora.

Per quanto riguarda le critiche sul fatto che Stage Manager sia supportato solo su iPad Air e iPad Pro M1, Federighi ha spiegato che una delle maggiori sfide per Apple era assicurarsi che la funzione soddisfacesse le aspettative per una “reattività interattiva“. Essenzialmente, anche in Stage Manager Apple vuole assicurare che “ogni app che puoi toccare deve essere in grado di rispondere istantaneamente“.

Secondo Federighi, gli iPad M1 erano gli unici modelli in grado di soddisfare queste aspettative grazie alla loro maggiore quantità di RAM, allo spazio di archiviazione più veloce e al supporto per lo scambio di memoria virtuale:

Sono solo gli iPad M1 che combinano l’elevata capacità DRAM con una NAND ad altissima capacità e prestazioni elevate che consentono alla funzione di scambio di memoria virtuale di essere super veloce. Ora che ti stiamo permettendo di avere fino a quattro app su un pannello più altre quattro – fino a otto app pronte ad essere istantaneamente reattive e avere molta memoria – semplicemente non abbiamo quella capacità sugli altri modelli.

Federighi ha anche aggiunto che solo gli iPad M1 possono supportare l’intera gamma di funzioni di visualizzazione su schermi esterni a causa della porta Thunderbolt. Anche le prestazioni grafiche hanno avuto un ruolo in questa decisione:

Quando metti insieme tutto questo, non possiamo offrire l’esperienza completa di Stage Manager su nessun sistema meno potente. Voglio dire, ci piacerebbe renderlo disponibile ovunque possiamo. Ma questo è quello che richiede. Questa è l’esperienza che porteremo nel futuro. Non volevamo vincolare il nostro design e le nuove funzioni a qualcosa di meno potente, stiamo stabilendo il punto di riferimento per il futuro.

Il dirigente ha poi aggiunto che Apple ha anche provato a testare Stage Manager sugli iPad precedenti, ma con pessimi risultati:

Abbiamo iniziato a testare alcune delle prototipazioni che coinvolgevano quei sistemi ed è diventato subito evidente che non potevamo offrire l’esperienza che stavamo pensando. Certamente, ci piacerebbe portare qualsiasi nuova esperienza su ogni dispositivo che possiamo, ma non vogliamo nemmeno limitare le potenzialità del nuovo hardware e non creare le migliori basi per il futuro dell’esperienza utente. E possiamo davvero farlo solo basandoci sugli M1.

Guardando al futuro di Stage Manager, Federighi ha affermato che Apple sta osservando da vicino il feedback e la risposta degli utenti in iPadOS 16 beta 1. Il dirigente ha promesso che Apple continuerà a lavorare sulla funzione e ad apportare miglioramenti durante l’estate.

Avevamo già pianificato diversi miglioramenti sia su Mac che su iPad. Abbiamo già identificato alcuni feedback e alcuni bug, oltre che alcuni miglioramenti da apportare a come Stage Manager viene gestito. Perfezioneremo Stage Manager con le prossime beta.

E voi, avete già provato questa funzione?

Apple iPad mini in sconto su

News iPad