iPad, iPad Air, iPad mini, iPad Pro: quale scegliere?

Apple ha quattro modelli di iPad tra cui poter scegliere, che coprono una vasta gamma di prezzi e prestazioni. Qual' è quello giusto per te?

Dopo il Black Friday, siamo pienamente entrati nella stagione natalizia e un’idea regalo interessante può essere rappresentata da un nuovo iPad. Scopriamo in questo approfondimento se il tablet che abbiamo in mente è effettivamente adatto a noi o alla persona che lo riceverà sotto l’albero.

iPad è il tablet non solo più venduto al mondo, ma anche quello più apprezzato sia dagli utenti che dai tech reviewers di tutto il mondo. Sopratutto con il rilascio di iOS 13, ribattezzato iPadOs, garantisce un’esperienza utente gratificante, completa e in grado di rivaleggiare con la produttività offerta da un computer desktop.

Apple ha cercato di suddividere la linea di prodotto in fasce adatte alle diverse esigenze, ma esistono oggettivamente delle sovrapposizioni che rendono non sempre immediato quale prodotto faccia al caso nostro.

Si parte dall’economico iPad da 389 euro per arrivare al faraonico iPad Pro da 12.9″ che, full optional, costa 1.899 euro. Esistono però delle caratteristiche in comune che ci portiamo a casa con qualsiasi degli iPad in vendita.

Caratteristiche in comune: Software, connettività Wi-Fi e Apple Pencil

Fin dal suo inizio, l’iPad ha eseguito lo stesso sistema operativo dell’iPhone: iOS. È stato il sistema operativo mobile standard di Apple per oltre un decennio, attraversando 12 evoluzioni. Con l’ultima release, la 13, Apple divide ufficialmente iOS in rami separati per smartphone e tablet: gli iPhone hanno iOS 13, mentre gli iPad dispongono di iPadOS.

Il nuovo sistema operativo specifico per tablet si concentra sulla razionalizzazione e l’espansione del multitasking per migliorare l’utilità degli iPad come dispositivi sul posto di lavoro, con widget fissabili e un nuovo approccio alla gestione delle app, come lo schermo diviso e lo scorrimento rapido tra gli schermi.

La connettività wireless è il secondo punto di forza presente su tutti gli iPad della lineup: ogni versione ha almeno Bluetooth 4.2, wi-fi dual-band 2.4 / 5GHz e connettività cellulare LTE opzionale. Ad oggi nessuno degli iPad supporta ancora il 5G: Apple non ha nemmeno annunciato il suo primo iPhone 5G, quindi passerà diverso tempo prima di avere questa nuova connettività cellulare su un iPad.

Infine ogni nuovo iPad supporta la Apple Pencil: la Pencil di prima generazione da 99 euro funziona con iPad, iPad Air e iPad mini, mentre quella di seconda generazione da 135 euro funziona solo con l’iPad Pro di ultima generazione.

iPad: il tablet per tutti

iPad

Per un certo periodo, l’iPad e l’iPad Air erano presentati da Apple entrambi come appartenenti alla fascia media. Poi, l’ Air ha sostituito l’iPad nel 2015 e l’iPad ha sostituito l’Air 2 nel 2017. Ora Apple offre modelli sia di iPad che di iPad Air, ma sono molto diversi tra loro. Invece di collocarsi tra l’iPad mini e l’iPad Pro in termini di prezzo e funzionalità, l’iPad standard è il tablet budget di Apple, di gran lunga il meno costoso a 329 euro. Ed è anche il meno potente.

L’iPad 2019 è una versione leggermente migliorata del modello 2018, con la modifica più rilevante nel supporto per la Smart Keyboard di Apple. Ciò significa che utilizza ancora il processore A10 Fusion di Apple, due generazioni dietro l’A12 Bionic utilizzato da iPad Air e iPad mini. Pertanto, non ci si può aspettare che gestisca app impegnative o giochi oppure esegua in modo fluido più app alla volta come gli altri iPad.

Anche lo spazio di archiviazione è più limitato, con disponibilità solo di modelli da 32 GB e 128 GB. Gli altri modelli di iPad partono da 64 GB e arrivano fino a 256 GB per iPad mini/Air e fino a 1 TB per iPad Pro. Poiché nessuno degli iPad ha slot per schede microSD per espandere lo spazio di archiviazione, 32 GB di spazio sono piuttosto limitati e questo è un aspetto da tenere bene in considerazione.

Lo schermo dell’iPad è anche il meno avanzato dei modelli attuali. È comunque un LCD Retina proprio come l’iPad Air e l’iPad mini, con una risoluzione di 2.160 per 1.620 pixel per 264 pixel per pollice. Manca la laminazione e il rivestimento antiriflesso dei modelli più costosi e non dispone del True Tone di Apple.

L’altro fattore da considerare nell’iPad standard è la fotocamera frontale. Condivide la stessa fotocamera posteriore da 8 MP degli altri iPad non Pro, ma la sua fotocamera anteriore dispone di soli 1,2 MP, davvero lontani dai  7 MP sull’iPad mini e sull’iPad Air: le chiamate FaceTime saranno molto meno piacevoli.

Il grande fascino di questo iPad base è il valore che offre rapportato al prezzo. Pagando 389 euro si ha in cambio uno schermo grande e luminoso e molte funzionalità che superano qualsiasi tablet Amazon Fire o Android  in termini di qualità costruttiva e piacevolezza d’uso. Se si cerca un dispositivo di intrattenimento versatile per guardare video, leggere libri e fumetti, navigare sul web, comunicare con gli amici e persino fare un po di wordprocessing o presentazioni con Keynote, è una scelta eccellente. Non aspettiamoci però che sia in grado di lavorare agevolmente con le app di cui sono capaci gli altri iPad. Ottimo per la casalinga e lo studente delle primarie.

iPad è in offerta su Amazon al link qui sotto

iPad mini: piccolo ma battagliero

ipad mini

Con l’iPad standard che presidia la fascia bassa del mercato, l’iPad mini è attraente per dimensioni e potenza.

È ovviamente l’iPad più piccolo: dispone di uno schermo da 7,9 pollici, pesa circa 300 grammi e ha uno spessore di 6mm. È abbastanza piccolo da collocarsi facilmente in una borsa o nella tasca della giacca, e questo è sicuramente il fattore determinante per chi ritiene gli iPad più grandi troppo ingombranti. Tuttavia,

È però l’unico iPad che non supporta la Smart Keyboard di Apple.

Il display Retina presenta la risoluzione più bassa del gruppo, 2.048 per 1.536px, ma lo schermo più piccolo significa anche una densità più elevata, pari a 326 pixel per pollice. Non dispone della tecnologia ProMotion presente sul display Liquid Retina dei Pro, ma ha le stesse modalità P3 Wide Color e TrueTone, nonché un pannello completamente laminato con rivestimento antiriflesso.

Nonostante le sue dimensioni, ha potenza da vendere, con lo stesso processore A12 Bionic presente nell’iPad Air, nell’iPhone XR e nell’iPhone XS.

A 459 euro (sotto in offerta su Amazon), è il dispositivo A12 meno costoso sul mercato.

iPad Air: il più iPad anche dell’iPad

ipad air

L’iPad Air si colloca fra gli iPad più economici (iPad e iPad mini) e gli iPad Pro. In poche parole, può essere definito come il nuovo iPad “standard”, in mezzo agli estremi.

L’iPad Air è semplicemente una versione più grande dell’iPad mini: tranne per le dimensioni, ha lo stesso chip A12 Bionic, le stesse opzioni di connettività wireless e la stessa fotocamera (posteriore da 8 MP e frontale da 7 MP).

Per quanto riguarda le dimensioni, l’ Air è molto vicino al normale iPad. Lo schermo è leggermente più grande, con 10,5 pollici in diagonale. Si tratta di un display Retina, con lo stesso pannello completamente laminato del mini, supporto P3 Wide Color e modalità True Tone, ma con una risoluzione superiore di 2.224 per 1.668, arrivando agli stessi 264 pixel per pollice dell’iPad e dell’iPad Pro.

La scelta tra Air e mini riguarda quasi esclusivamente dimensioni e prezzo. L’iPad mini è più piccolo e parte da 459 euro. L’iPad Air è più grande e parte da 569 euro. Se si è alla ricerca di uno schermo più grande, l’Air è la scelta ovvia. Se si vuole risparmiare un po’ mantenendo lo stesso hardware, l’iPad mini è l’opzione da preferire.

iPad Pro: la workstation senza mouse

ipad pro

I “professionisti” iPad da 11 pollici e 12,9 pollici sono i tablet più potenti, più costosi e, semplicemente, i più grandi di Apple. Il Pro nel nome lo chiarisce: si tratta di tablet progettati per offrire la potenza di elaborazione e la qualità dello schermo che artisti, musicisti, designer ed editori richiedono per il loro lavoro. Questa distinzione è importante perché deve giustificare prezzi di riferimento molto più alti, pari a 899 euro (11 pollici) o 1.119 (12,9 pollici).

Al di là delle loro dimensioni, i modelli iPad Pro da 11 pollici e 12,9 pollici sono effettivamente identici. Entrambi usano il chip Bionic A12X di Apple, ancora più potente dell’A12, con performance paragonabili a laptop professionali. Tanto per dare un riferimento, in alcuni test supera anche il Core i7 di un MacBook Pro 2018. Anche la capacità di archiviazione fino a 1 TB è allineata ad un notebook professionale.

I display Liquid Retina su entrambi i modelli di iPad Pro hanno gli stessi 264 pixel per pollice degli iPad e iPad Air. Sono inoltre completamente laminati con rivestimento antiriflesso e supportano il P3 Wide Color e il TrueTone, nonché la funzione ProMotion che fluidifica i movimenti su schermo grazie ad una frequenza di aggiornamento fino a 120Hz.

Le fotocamere dei modelli iPad Pro sono anche aggiornamenti significativi rispetto agli altri iPad. La posteriore è da 12 MP, con un’apertura f / 1.8 molto più ampia e flash True Tone quad-LED con acquisizione Wide Color. Può anche registrare video 4K fino a 60 fotogrammi al secondo, mentre gli altri iPad si limitano a 1080p. La frontale ha la stessa risoluzione di 7 MP delle fotocamere su iPad Air e iPad mini, ma aggiunge un sensore di profondità ottimizzato per il Face Id (che sostituisce il tasto home), per le Animoji e Memoji di Apple e per la modalità ritratto.

Sebbene siano tablet molto potenti, iPadOS sembra più orientato verso i creativi rispetto ai professionisti aziendali che probabilmente il Microsoft Surface Pro 6, semplicemente più funzionale in quest’ultima arena.

In questi giorni entrambi i tagli di iPad Pro sono in offerta su Amazon ai link qui sotto.

In conclusione, quale iPad dovresti comprare?

ipad lineup
Con una lineup così variegata, il miglior iPad dipende dalle specifiche esigenze.

Molto apprezzato l’iPad base per funzionalità e valore, ma volendo un tablet premium ci orienteremmo su un iPad Mini (purché non sia necessario utilizzare la Smart Keyboard): con pochi euro in più, si fa uno scatto in avanti di due generazioni con l’hardware, quindi prestazioni molto migliori di quelle disponibili sull’iPad base. Ci sarà uno schermo più piccolo, certo, ma come smartphone e phablet la scelta tra tablet grandi e piccoli si lega più di ogni altra cosa al gusto personale.

Anche l’iPad Air è eccellente, offrendo le stesse prestazioni del Mini in un fattore di forma più grande, per circa 110 euro in più rispetto al normale iPad, con uno schermo ancora più grande da 10,5 pollici.

Riassumendo: se si cerca solo intrattenimento e le dimensioni non contano, va scelto l’iPad mini, essendo il migliore con un form factor piccolo ed elegante. Se si vuole risparmiare e non ci si preoccupa del calo di potenza, il nuovo iPad base ha ancora un valore eccellente, mentre l’iPad Air offre le migliori prestazioni in un iPad full-size, senza spendere i 1.000 euro di un iPad Pro. Ovviamente, se vuoi fare un lavoro serio su iPadOS e vuoi rimanere con l’ecosistema di Apple invece di passare a un dispositivo Surface o altro Windows, l’iPad Pro è ancora la soluzione migliore.

Invitandovi ad esprimere le vostre opinioni nei commenti qui sotto, vi ricordiamo anche che, a parte l’iPad mini, tutti i dispositivi supportano la Smart Keyboard di Apple, comodissima perchè alimentata direttamente dalla batteria dell’iPad.

Approfondimenti