iPad Pro 2021: troppo per molti, troppo poco per gli altri?

L'iPad Pro M1 è un incredibile concentrato di tecnologia, ma serviva davvero a un dispositivo di questo tipo?

Sono sempre stato un fan dell’iPad Pro e ritengo il modello 2018 ancora perfetto per tutta una serie di operazioni quotidiane e non solo. Non a caso, ha sostituito il mio vecchio MacBook Pro e ne sono tutt’ora felice possessore. L’iPad Pro 2021 con il fantastico processore M1 mi farà cambiare idea?

ipad pro chip m1

Torniamo indietro di un anno. L’iPad Pro 2020 non aveva novità tali da convincere all’aggiornamento gli utenti già in possesso del modello precedente come me. Parliamoci chiaro, l’upgrade è stato davvero marginale e già allora circolavano voci sul modello di nuova generazione che è stato presentato pochi giorni fa. Ed ora eccolo qui, il fantastico iPad Pro 2021 con processore M1, connessione 5G, porta Thunderbolt, display mini-LED (solo sul grande) e tante altre piccole novità. Una bomba capace di offrire prestazioni eccezionali in qualsiasi ambito. Tutto bello, ma vale la pena acquistarlo per chi ha già un iPad Pro 2018 o 2020?

LEGGI ANCHE: iPad Pro 2020 – 2021, tutte le differenze

Al momento, la mia (la mia…) risposta è no. Dico al momento perché iPadOS 15 potrebbe cambiare le carte in regola. Come ha detto un dirigente Apple nelle scorse ore, “non puoi avere un’app che richiede più prestazioni di quelle di cui è capace il dispositivo, rendendola inutilizzabile. Quindi è necessario che il dispositivo sia in anticipo rispetto alle app”. Questo può significare che Apple ha in serbo diverse sorprese software per il futuro, magari con nuove app super complesse di editing video, musica e foto, e un sistema operativo che richiederà più risorse e offrirà funzioni di multitasking avanzate.

Certo, non si dovrebbe mai acquistare un prodotto nella speranza di futuri aggiornamenti software non ancora annunciati, ma è difficile pensare che l’M1 dei nuovi iPad non abbia in serbo qualche sorpresa per il prossimo iPadOS. E, nel dubbio, la WWDC arriverà tra poche settimane, per cui può anche valere la pena aspettare per capire se iPadOS 15 avrà funzioni esclusive per gli iPad 2021.

Ci sono poi categorie specifiche a cui è indirizzato questo modello, in primis i disegnatori. Una delle caratteristiche principali dell’iPad Pro è la compatibilità con Apple Pencil. I modelli 2018 e 2020 hanno display eccellenti, ma il nuovo display Liquid Retina XDR con mini-LED eleverà l’esperienza di disegno su iPad a un livello completamente nuovo. Lo schermo è molto più luminoso e ha un contrasto di gran lunga migliore, oltre alle funzionalità già esistenti come l’ampia gamma di colori P3 e il ProMotion. Gli artisti che utilizzano iPad Pro per disegnare, dipingere e creare animazioni trarranno sicuramente vantaggio dalla nuova tecnologia di visualizzazione in grado di produrre colori più vivaci. Insomma, questo iPad Pro 2021 è perfetto per questa categoria.

Ci sono poi i professionisti dell’editing video. Molti utilizzano ovviamente MacBook Pro o simili, ma questo iPad Pro 2021 promette bene. Difficile lavorare su uno schermo da 12.9″ per quanto bello possa essere, ma grazie al processore M1 e alla porta Thunderbolt sarà possibile effettuare editing video in mobilità, per poi trasferire i progetti sul Mac quando si rientra in ufficio o a casa. App come LumaFusion sono davvero ben fatte, ma ci aspettiamo l’arrivo di nuove applicazioni di editing video ancora più complete. Per ora, la risposta è ni.

Grazie al 5G, iPad Pro diventa compagno perfetto per chi per lavoro sta spesso in giro e ha bisogno di una connessione veloce. Qui c’è un però: la percentuale di iPad Pro Cellular è sempre stata molto bassa rispetto ai modelli solo Wi-Fi e non mi aspetto un grande cambiamento con le versioni 2021. Rimane quindi una scelta di nicchia, almeno per il momento.

C’è poi la categoria dei gamer. Il chip M1 nel nuovo iPad Pro è un’aggiunta importante, ma almeno per i prossimi 10-12 mesi non credo vedremo giochi così dispendiosi da rendere necessario questo modello rispetto agli iPad Pro precedenti. Il nuovo tablet ha anche una GPU migliorata e questo significa che in futuro sicuraemente qualche software house ne approfitterà per lanciare giochi super ottimizzati. La domanda è: quanti hardcore gamer usano o useranno l’iPad per giocare? Pochi, molto pochi, a meno che in futuro non escano titoli da tripla AAA. Anche in questo caso, parliamo di una nicchia, almeno per il momento.

A conti fatti, il super display e tutta la potenza dell’iPad Pro M1 sono potenzialmente fantastici, ma per il momento inutili nella maggior parte dei casi. A meno che non siate artisti, disegnatori, gamer super appassionati o specialisti in editing video che hanno bisogno di lavorare anche su iPad, allora questo aggiornamento rispetto ad un modello precedente è quasi superfluo. Se, invece, state per acquistare il primo iPad Pro non aspettate oltre: il modello 2021 vi durerà anni senza alcun tipo di problema.

Se poi il vostro iPad 2018 comincia a starvi stretto in termini di prestazioni o qualità, anche in questo caso il modello 2021 è la scelta perfetta, soprattutto perché potete rivendere il vostro attuale tablet a prezzi ancora interessanti.

Infine, se iPadOS 15 ci aprirà le porte di un nuovo mondo davvero “Pro”, allora sì che anche io cambierò idea. Per ora, mi tengo stretto il mio iPad Pro 2018. Per ora.

iPad Air di nuovo in offerta su

Editoriali