Perché conviene acquistare oggi gli iPad M1?

A partire dal prezzo fino alle nuove funzioni di iPadOS 16: tutti i motivi per i quali conviene comprare un iPad M1 ora.

Acquistare un iPad con chip M1 durante l’estate 2022 potrebbe rivelarsi sorprendentemente utile per svariate ragioni. Se consideriamo poi il prezzo fortemente scontato, l’affare inizia ad apparire piuttosto intrigante.

stage manager ipados 16

Performance: i chip M1 offrono prestazioni da vero PC

I modelli di iPad con chip Apple Silicon M1 possono contare su un processore in grado di fornire le massime performance per ogni utilizzo. Nel caso specifico degli iPad attualmente in commercio, il chip M1 riesce a svolgere senza il minimo problema qualsiasi operazione su iPad.

Se su Mac, per gli utilizzi professionali, ad oggi è consigliabile propendere verso M1 Pro o M1 Max (o addirittura M1 Ultra), su iPad le richieste di risorse non superano praticamente mai i limiti del chip M1. Difatti, per la maggior parte degli utilizzi, iPad è come un vero e proprio PC (lo dicevo anni fa in qualche recensione) ma per gli usi professionali spinti non è tanto il chip quanto la tipologia di prodotto a non essere in linea.

ipad m1

Nel dettaglio, i chip M1 offrono una CPU da 8-ore e una GPU da 8-core con performance elevatissime in tutte le condizioni, indipendentemente dall’app in uso su iPad. È proprio su questo discorso che si basa la scelta “Mac o iPad?“: se per svolgere un determinato compito basta un’app, iPad è ottimale mentre se è necessario un sistema desktop è meglio scegliere un Mac.

iPadOS 16 segna il primo passo verso un’esperienza desktop

iPadOS 16

È vero che iPad non può essere paragonato a sistemi desktop professionali ed è anche vero che al momento non ci sono app di classe desktop pronte per girare su iPadOS ma tutto questo potrebbe cambiare nel prossimo futuro.

Nonostante su iPad ci siano già le famose app LumaFusion, Adobe Lightroom, Adobe Photoshop, GarageBand, Affinity Photo e via discorrendo, mancano ancora soluzioni professionali come Adobe Premiere Pro oppure Final Cut Pro. Ovviamente non ci possono essere app di classe desktop se il sistema operativo non è di classe desktop.

Dopo anni di continui rimandi, però, iPadOS diventa finalmente un sistema operativo con una personalità propria e si distacca da iOS garantendo una prima base per lo sviluppo di app desktop.

reference mode iPadOS 16

iPadOS 16 introduce nuove funzioni che spingono in avanti l’esperienza di iPad con M1, in primis iPad Pro. Grazie alla Modalità Riferimento, iPad Pro 12,9″ con Display Liquid Retina XDR è in grado di soddisfare i requisiti cromatici richiesti per attività di revisione e approvazione, color grading e compositing, per cui l’accuratezza dei colori e la fedeltà delle immagini sono fondamentali e può essere calibrato alla perfezione per la massima versatilità.

In più, grazie al chip M1, su iPadOS 16 si potrà usare la funzione Zoom schermo che consente di aumentare la densità dei pixel del display così da mostrare ancora più contenuti, soprattutto in Split View.

Multitasking: Stage Manager e chip M1

multitasking iPadOS 16

Apple rende gli iPad M1 ancora più fluidi e versatili grazie alla nuova funzionalità Stage Manager che, come abbiamo già approfondito, offre un’esperienza di multitasking completamente nuova grazie alla quale l’utente può creare un’unica schermata con più finestre di dimensioni diverse sovrapposte, trascinarle dal lato, o aprire le app dal Dock per raggrupparle.

Infine, con il sistema Virtual Memory Swap, lo spazio di archiviazione degli iPad con chip M1 può essere usato per espandere la memoria unificata disponibile per tutte le app e offrire fino a 16GB per quelle più impegnative in modo da ottenere il miglior multitasking possibile.

Efficienza: mai più batteria sprecata

m1

I chip M1 di casa Apple sono noti per la loro efficienza energetica e per le temperature d’esercizio contenute. Su iPad, Apple Silicon non fa eccezione e offre una validissima gestione energetica garantendo la potenza necessaria per ogni operazione senza però sprecare risorse e batteria. Ne deriva che tutti gli iPad con M1 possono contare su 10 ore di autonomia con rete WiFi e 9 ore di autonomia con rete cellulare.

Gaming per tutti

I videogiocatori più incalliti potranno trarre beneficio dal chip M1 che su iPad garantisce la piena fluidità con i titoli presenti su App Store. Inoltre, con l’arrivo di iPadOS 16 e di Metal 3 in autunno, le performance di gioco sono tese a migliorare.

Connettività 5G

aggiornamenti 5G

Gli iPad Pro e iPad Air con chip M1 sono anche gli unici (insieme ad iPad mini 6) a poter contare sulla connettività 5G nelle varianti WiFi + Cellular. Grazie a questa caratteristica tecnica, i tablet più avanzati di Cupertino possono funzionare praticamente ovunque e con la migliore rete disponibile, anche ad altissima velocità. Si tratta di una soluzione da tenere a mente per tutti i casi in cui si è sprovvisti di rete WiFi, magari se si lavora spesso in mobilità e si vuole un contratto 5G.

Il supporto completo ai Monitor esterni, si anche al Pro Display XDR

stage manager ipad

Avete presente l’integrazione di iPad con i monitor esterni? Comoda ma non eccezionale, starete pensando. Fortunatamente con iPadOS 16, su iPad Pro e iPad Air con chip M1 viene esteso il supporto ai monitor esterni a tutto schermo. Tutto ciò rende comodo e piacevole lavorare con iPad M1 su monitor fino a 6K, come il Pro Display XDR e lo Studio Display. In effetti, sfruttando Stage Manager si possono avere fino a 8 schermate aperte contemporaneamente: quattro su iPad e quattro sul monitor esterno.

Di contro, i futuri modelli non andranno in sconto così velocemente quindi chi vuole attendere M2 dovrà mettere in conto una cifra più elevata oppure un tempo maggiore di attesa.

Prezzo: cifre già scontate per un investimento sicuro

Molto probabilmente, Apple presenterà nei prossimi mesi dei nuovi iPad Pro con chip M2 – visto su MacBook Air 2022 – ma, su iPad, questo upgrade potrebbe non essere così determinante. Chi preferisce risparmiare ma avere a disposizione un prodotto completamente affidabile e a prova di futuro potrà trovare in M1 un amico fidato, soprattutto considerando i prezzi attuali su Amazon.

iPad Air di quinta generazione

ipad air 2022

iPad Air di quinta generazione si trova già con il 17% di sconto nella variante da 64GB. Gli sconti sono disponibili anche per i modelli top di gamma da 256GB con connettività Cellular. Generalmente si parte da poco più di 580€, un prezzo di poco maggiore rispetto a quello di iPad mini 6 che però giustifica un chip così prestante.

iPad Pro 11″ di terza generazione

iPad Pro m1

iPad Pro 11″ di terza generazione si trova a prezzi scontati anche per i modelli al top. Si parte da poco meno di 760€ per il modello base da 128GB.

iPad Pro 12.9″ di quinta generazione

iPad Pro m1

Il top di gamma, iPad Pro da 12.9″ di quinta generazione, viene offerto a partire da 1099€ e offre buone percentuali di risparmio anche per le varianti più costose.

Apple iPad mini in sconto su

Approfondimenti